castellino

 
genitori adeguati consigli dinamiche abuso    
fratelli sicurezza altri genitori      
           

È ampiamente risaputo che la famiglia di oggi deve affrontare difficoltà nettamente superiori a quelle della famiglia del passato, per cui sono superiori i rischi di non svolgere adeguatamente la sua funzione educativa. Primo tra tutti i motivi è il fatto che sempre più frequentemente, specialmente in provincia, i modelli culturali sono difficili da trasmettere a figli che hanno una cultura scolastica superiore a quella di entrambi i genitori.

Ciò premesso non si può negare che esistono alcune realtà familiari nelle quali un ragazzo trova, invece di un sostegno a crescere, forti incomprensioni, rigide programmazioni, trascuratezza, sfruttamento, sevizie fisiche o sessuali, o anche troppo precoci responsabilità e richiesta di comportamenti da adulto.

Ma sono anche abusanti le famiglie che:

  • nella errata convinzione di rispettare la volontà del bambino, lo lasciano solo ad esplorare il mondo;           
  • non sopportano che si comporti da bambino e, nel nome del suo avvenire, sono particolarmente esigenti e perfezioniste, non tollerando che compia errori;
  • nell’intento di preservarlo dai pericoli, gli impediscono di fare esperienza in tutti quei campi in cui ciò può comportare rischi;          
  • lo crescono convincendolo che tutto il mondo è cattivo e vuole distruggerlo, e che solo la sua famiglia ed i modelli che gli propone sono “buoni”;           
  • che utilizzando come arma di ricatto tutti i sacrifici compiuti per lui, lo imprigiona in una rete di relazioni soffocanti di un amore possessivo e distruttivo.

La violenza psicologica è forse la più grave delle forme di abuso che possono essere fatte ai bambini, perché agiscono in maniera subdola e prolungata nel tempo, e per lo più  finiscono con il modificare la formazione dei pensieri da parte delle vittime., che però percepiscono perfettamente le motivazioni reali dei comportamenti dei genitori, per cui si viene creare una forma di incomprensione e di ostilità tra genitori e figli, che diviene per lo più irreversibile.

In ogni caso, sia che il bambino subisca violenza fisica, sessuale o psicologica, quello che è importante  per poter definire ABUSO un comportamento, è il MODO con cui il bambino lo percepisce, cioè il significato che assumono per lui le azioni compiute nei suoi confronti dagli adulti.

Spesso premessa all’effettuazione di futuri abusi ai figli, è l’origine stessa della famiglia.
Se i genitori non contraggono il matrimonio in maniera cosciente, dopo avere realmente sperimentato i propri caratteri e la disponibilità ad integrarli, il figlio viene vissuto come uno strumento di gratificazione personale, come colui che dovrà riscattare le nostre insoddisfazioni.
In una cultura in cui le competenze genitoriali richieste sono molto elevate, possiamo indicare le caratteristiche delle famiglie in cui più facilmente i figli potrebbero essere vittima di abusi?
Diciamo che i rischi sono maggiori nei seguenti casi:

  1. coppie costituitesi tra persone troppo giovani, caratterizzate da genitori insicuri, delusi, incapaci di resistere alle frustrazioni, in conflitto tra loro, e le prime vittime di questi non possono che essere i figli;
  2. le famiglie in cui è presente un solo genitore (ragazza madre, un solo genitore  divorziato e con l’altro genitore che si è allontanato e non si occupa più dei figli, famiglie in cui appaiono nuovi partner di un genitore e che sono incapaci di instaurare buone relazioni con i figli);
  3. le famiglie con figlio unico, che viene così esposto al rischio di strutturare senso di superiorità o di inferiorità rispetto ai coetanei;
  4. le famiglie con malati mentali, tossicodipendenti o alcoolisti.

Ci pare doveroso concludere ribadendo che così come vi sono bambini con un solo genitore che sono cresciuti in un clima sanissimo, sono molti i casi di bambini sani e rispettati anche se in famiglia avevano un genitore tossicodipendente, malato mentale o alcoolista.
Di contro, vi sono moltissimi casi di bambini di famiglie molto agiate che subiscono gravi abusi psicologici e deprivazione affettiva.

Tutto quanto sopra detto, pertanto, deve essere preso in considerazione rapportandolo  alla singola situazione, trattandosi di considerazioni che esprimono probabilità e non certezza.
 
Difensore dei Bambini © Powered by EGW - Tutti i diritti riservati eXTReMe Tracker